Lo svolgimento di tutte le attività escursionistiche è coordinato dalla Commissione Escursionismo (CE).

La CE per il triennio 2021-2023 è presieduta dall’ AE Marco Conte ed è così composta:

Dde Christian Applegate
aDde Marco Dari Mattiacci
Dde Giorgio Giua
AE Michele Grelli
ANE Riccardo Ortolani
AE Alessandro Maria Ponti
Dde Luisa Stoppa

La CE si avvale dell’operato di:

*  3 ANE (Accompagnatori Nazionali di Escursionismo),
* 12 AE (Accompagnatori di Escursionismo),
*  8 ASE (Accompagnatori Sezionali di Escursionismo)
* 30 DdE (Direttori di Escursione sezionali)

Le escursioni rientrano nelle difficoltà classificate come T, E, EE, EEA, EAI (per i dettagli si veda la tabella in calce).

Il programma comprende anche le seguenti formule:
• Lento pede, escursioni di difficoltà E condotte con andatura tranquilla e frequenti soste;
• EErp, escursioni in ambiente invernale su pendii non valanghivi e di pendenza contenuta, in cui si richiedono, come equipaggiamento, ramponi e piccozza (a soli fini di sicurezza e non per la progressione).

La Commissione Escursionismo dispone di un magazzino con materiali (kit da ferrata, racchette da neve, ARTVA, tende) che possono essere concessi in uso ai Soci ( per l’attività sociale), dietro versamento di un contributo.

Il programma annuale comprende anche le escursioni proposte dalla Commissione Tutela Ambiente Montano, alle cui pagine si rinvia. Per quanto riguarda, infine, le escursioni del Gruppo Senior si rinvia alle pagine specifiche.

Come iscriversi alle escursioni
Le escursioni sociali sono aperte a tutti i Soci; i non Soci possono partecipare a una escursione di prova, di difficoltà non superiore a E.

Le iscrizioni si effettuano in sede, in genere il giovedì e il venerdì precedenti l’escursione, dalle 18:00 alle 20:00 il giovedì, fino alle 19:30 il venerdì, a meno che nel programma dettagliato non sia diversamente specificato. Ove indicato nella locandina è possibile anche la prenotazione on line.

Chi ha depositato il “fondo gita” (una cauzione di 20 € da versare in Segreteria) può effettuare la prenotazione per telefono negli stessi orari e pagare la quota direttamente il giorno dell’escursione.

Il costo delle escursioni, ove non diversamente specificato, è il seguente:

  • escursioni in pullman: Soci € 20, dal secondo partecipante stesso nucleo familiare € 15, non Soci € 30;
  • escursioni in auto private e mezzi pubblici: Soci e familiari € 5, non Soci € 15 (i costi autostradali e di carburante per le auto vengono divisi tra i partecipanti, esclusi i conducenti delle auto);
  • le escursioni di due o più giorni hanno costi variabili, specificati di volta in volta sulla locandina.

Il programma dettagliato delle singole escursioni viene affisso in sede e pubblicato sul sito della Sezione dal martedì precedente l’uscita; il programma delle escursioni di due o più giorni viene pubblicato con maggiore anticipo.

La Commissione Escursionismo ha elaborato per le escursioni del CAI alcune semplici regole di comportamento per le quali si rinvia al sito della Sezione.


Scala delle difficoltà escursionistiche

Grado Significato Descrizione
T Sentiero turistico Itinerari su stradine, mulattiere o comodi sentieri, con percorsi ben evidenti e che non pongono incertezze o problemi di orientamento. Si svolgono in genere sotto i 2000 m e costituiscono di solito l’accesso ad alpeggi o rifugi. Richiedono una certa conoscenza dell’ambiente montano e una preparazione fisica alla camminata.
E Sentiero escursionistico Itinerari che si svolgono quasi sempre su sentieri, oppure su tracce di passaggio in terreno vario (pascoli, detriti, pietraie), di solito con segnalazioni; possono esservi brevi tratti pianeggianti o lievemente inclinati di neve residua, quando, in caso di caduta, la scivolata si arresta in breve spazio e senza pericoli. Si sviluppano a volte su terreni aperti, senza sentieri ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate. Possono svolgersi su pendii ripidi; i tratti esposti sono in genere protetti (barriere) o assicurati (cavi). Possono avere singoli passaggi su roccia, non esposti, o tratti brevi e non faticosi né impegnativi grazie ad attrezzature (scalette, pioli, cavi) che però non necessitano l’uso di equipaggiamento specifico (imbragatura, moschettoni, ecc.). Richiedono un certo senso di orientamento, come pure una certa esperienza e conoscenza del territorio montano, allenamento alla camminata, oltre a calzature ed equipaggiamento adeguati
EE Sentiero per escursionisti esperti Itinerari generalmente segnalati ma che implicano una capacità di muoversi su terreni particolari. Sentieri o tracce su terreno impervio e infido (pendii ripidi e/o scivolosi di erba, o misti di rocce ed erba, o di roccia e detriti).Terreno vario, a quote relativamente elevate (pietraie, brevi nevai non ripidi, pendii aperti senza punti di riferimento, ecc.). Tratti rocciosi, con lievi difficoltà tecniche (percorsi attrezzati, vie ferrate fra quelle di minor impegno). Rimangono invece esclusi i percorsi su ghiacciai, anche se pianeggianti e/o all’apparenza senza crepacci (perché il loro attraversamento richiederebbe l’uso della corda e della piccozza e la conoscenza delle relative manovre di assicurazione). Necessitano: esperienza di montagna in generale e buona conoscenza dell’ambiente alpino; passo sicuro e assenza di vertigini; equipaggiamento, attrezzatura e preparazione fisica adeguati
EEA Sentiero per escursionisti esperti con attrezzatura Percorsi attrezzati o vie ferrate per i quali è necessario l’uso dei dispositivi di autoassicurazione (imbragatura, dissipatore, moschettoni, cordini) e di equipaggiamento di protezione personale (casco, guanti)
EAI Escursionismo in ambiente innevato Itinerari in ambiente innevato che richiedono l’utilizzo di racchette da neve, con percorsi evidenti e riconoscibili, con facili vie di accesso, di fondo valle o in zone boschive non impervie o su crinali aperti e poco esposti, con dislivelli e difficoltà generalmente contenuti che garantiscano sicurezza e percorribilità