Programma Dettagliato trekking Santiago de Compostela             santiago perdon

4 maggio     —–     19  maggio

 

  1. Partenza da Roma Aeroporto di Fiumicino con volo Vueling 6109 delle 7,05 scalo a Barcellona – poi volo 1440 per Bilbao arrivo 11,40 .  Presi i bagagli in pulmino partiremo per San Jean Pied de Port dove arriveremo presumibilmente per le 15,30 . Passaggio dall’ufficio del Camino per il primo bollo e poi faremo circa 5 km di cammino con 200 m di dislivello per arrivare nella localita di Huntto dove ceneremo e pernotteremo presso  Ferme ITHURBURIA .
  2. Il mattino presto colazione e inizio del sentiero che dopo circa 20 km e 1000 m di dislivello ci portera’ a Roncisvalle . Il dislivello sara’ abbastanza dolce da superare in quanto si allunga per quasi tutto il percorso : supereremo il confine fra Francia e  Spagna   al Collado de Bentartea . Colpiti dalla suggestione del luogo , dormiremo nell’attrezzatissimo ostello dentro il Monastero e ceneremo in uno dei ristoranti del piccolo borgo .
  3. Inizieremo la terza giornata uscendo dal Monastero per tempo , colazione in qualche bar in uno dei primi villaggi che incontreremo , in quanto come sapete in Spagna gli esercizi commerciali aprono tardi . Tappa di circa 22 km e 450 m di dislivello per arrivare dopo aver superato il Puente de la Rabia , a Zubiri dove pernotteremo e ceneremo .
  4. Al mattino riattraverseremo il Puente de la Rabia e ritorneremo sul Camino per dirigerci verso Pamplona . Tappa di circa 21 km con 180 m di dislivello .Entreremo a Pamplona dal Puente de la Magdalena e dopo aver trovato dove dormire , avremo il tempo per tuffarci nella vita di citta’ , visitare qualche monumento e soffermarci per un drink e qualche pintxos nel famoso caffe’ Iruna in Plaza de Castillo dove Hemingway scrisse “Fiesta” e ebbe le idee per quasi tutti i suoi romanzi . Cena in qualche ristorantino in centro .
  5. Usciremo presto da Pamplona per incamminarci verso Puente la Reina ultima tappa della prima parte del nostro trekking . Saranno 24 km con 400 m di dislivello che ci porteranno in salita fino a lo Alto del Perdon e al monumento al pellegrino : nota interessante qui di norma staziona un furgone bar che tra l’altro offre minestra calda . Arriveremo a Puente la Reina dove il Camino Aragonese confluisce nel Camino Francese . Dovremo cercarci da dormire velocemente in quanto questo come capite e’ un luogo molto frequentato , cena .
  6. Giornata dedicata allo spostamento con i mezzi pubblici : faremo circa 400 km viaggiando quasi tutto il giorno per raggiungere l’inizio della seconda parte del trekking a Rabanal del Camino in Castilla y Leon . Inizieremo prendendo il bus che da Puente la Reina  ci riportera’ a Pamplona alle 8,20 o alle 9,15  in circa 20 minuti .  Potremmo cosi’ comodamente prendere il treno per Astorga o alle 11,19 o alle 13,17 con arrivo rispettivamente alle 17,34 o alle 17,55 .  Da Astorga con il taxi ci sposteremo in brevissimo tempo a Rabanal del Camino dove passeremo la notte dopo aver cenato .
  7. Al mattino riprenderemo il nostro trekking seguendo il Camino fino a Molinaseca . Tappa di 24 km e 300 m di dislivello . Saremo fra i punti piu’ alti del Camino , arriveremo alla Cruz de Hierro a circa 1500 m di altitudine sul monte Irago, circondati da vette oltre i 2000 m  . All’arrivo come al solito bisognera’ cercarsi da dormire per poi andare a cena .
  8. Tappa brevissima solo 8 km con 150 km di dislivello per raggiungere Ponteferrada , con le sue antiche mura e il castello che potremo con calma visitare , per trasferirci poi in taxi a Vega de Valcarce dove pernotteremo e ceneremo .
  9. Vi sarete chiesti perche’ la precedente tappa fosse corta : presto detto affronteremo oggi un percorso di 12 km ma con 800 m di dislivello quindi abbastanza impegnativa , per arrivare a O Cebreiro dove saremo finalmente in Galizia . Il posto sara’ molto suggestivo e qui ceneremo e pernotteremo.
  10. La mattina riprenderemo il Camino con una tappa di 21 km , 300 m di dislivello in salita e ben 1014 m di dislivello in discesa , attraversando paesaggi bucolici e villaggi con case in pietra che hanno dato a questa regione il soprannome di “Irlanda di Spagna” . Arriveremo cosi’ a Triacastela dove ceneremo e pernotteremo .
  11. Altra tappa per raggiungere Sarria con 24 km e 300 m in salita e 400 in discesa . Lungo il percorso ci fermeremo al Monastero di Samos con la sua lunga storia che comincia nel VI secolo e che gia’ camminando osserveremo dall’alto . Proseguiremo poi per Sarria dove ceneremo e pernotteremo .
  12. Proseguiremo il mattino la nostra via per raggiungere dopo 24 km e 300 m di dislivello Portomarin , una bella cittadina che avremo modo di visitare all’arrivo , dopo aver al solito cercato il posto per dormire e cenare .
  13. Il mattino dopo armi e bagagli sui taxi per trasferirci a Boente in una quarantina di minuti . Da Boente cammineremo fino a Pedrouzo per circa 27 km e 500 m di dislivello , ultima fatica importante in vista della meta . A Pedrouzo ci fermeremo per la notte pensando che il giorno dopo saremo a Santiago : dicono che i pellegrini per l’emozione passassero questa ultima notte prima dell’arrivo all’aperto sotto le stelle … chi vuole potra’ farlo .
  14. Il mattino di buon’ora ripartiremo piu’ sollevati per fare questi ultimi 20 km con numerosi saliscendi e dopo una marcia piacevole fra i boschi , finalmente cominceremo a vedere da lontano la guglia del Santuario . Arrivati in citta’ , ricordo che Santiago e’ la capitale della Galizia, andremo nel centro storico dove alloggeremo all’hotel de Mazarillos in plaza de Mazarillios , proprio in centro e a due passi dal Santuario . Avremo percorso circa 240 km di “piedi pieni di scarponi” da quando siamo partiti . La piazza del Santuario ci accogliera’ insieme a tanti altri che festeggeranno con noi la felice conclusione del Camino .
  15. Giornata libera . Per chi non vorra’ rimanere a riposare o a girellare per le viuzze della citta’ vecchia , potremo decidere di fare un tour guidato a Cabo Finsterra a vedere il famoso faro e quello che a torto viene considerato l’estremo lembo di Spagna e a Muxia quello si’ estrema propaggine spagnola nell’Oceano Atlantico . Oppure prendere il treno e andare a La Coruna , bella citta’ sul mare con begli edifici e un bel lungomare . Serata conviviale per festeggiare il viaggio e la compagnia .
  16. Mattina presto taxi per raggiungere l’aeroporto di Santiago per poter prendere il volo Vueling o Iberia . Arrivo a Roma nel pomeriggio .