sabato 13 maggio 2017
Monti Simbruini – Monte Viglio

anello da Filettino per il Crestone e la cresta SO, discesa per i Cantari e fonte della Moscosa
Escursione in auto private

Difficoltà: EE
Dislivello in salita: 1000 m
Dislivello in discesa: 1000 m
Lunghezza: 11 km
Ore: 7 ore

Accompagnatori:
AE Luca Teodori 3737794711
DdE AAG Giampaolo Maoloni 3356312877
DdE Stefania Calzini 3404084321
aDdE Giovagnoli

Descrizione:
L’itinerario proposto si svolge quasi interamente su cresta, regalandoci spettacolari affacci sui vicini Monti Ernici e Simbruini e sugli anfiteatri rocciosi che si aprono sul versante occidentale della montagna.

Da Filettino si segue la strada per il Valico S. Antonio e si lascia l’auto in prossimità del primo tornante della Valle Granara (1230m). Da qui parte il sentiero 696b che dapprima attraversa il ripiano erboso di Pezze di Macchia, poi entra nel bosco e a quota 1500m si porta in cresta. A quota 1784 m  esce dal bosco e continua a salire lungo il crinale che diventa sempre più aereo e panoramico fino ad affacciarsi a quota 2050m sulla Val Roveto. Qui intercetta il sentiero 651 che seguendo la cresta SO del Monte Viglio, porta in vetta.

Per la discesa si segue in direzione NE il sentiero 651 che dapprima tocca le cime de i Cantari (2103m, 2088m, 2050m, 1992m) e poi raggiunge il Belvedere del Monte Piano (1770m). Da qui si piega in direzione NO verso Fonte della Moscosa, da dove un evidente sentiero erboso scende il valloncello verso la faggeta, prosegue nel bosco e, tra magnifici faggi di alto fusto, riporta al punto di partenza.

Appuntamento: Piazza Sassari (Metro B Policlinico) Partenza ora 6.30
Equipaggiamento: • Scarponcini alti
• Bastoncini
• Lampada frontale

Iscrizioni: in sede giovedì e venerdi dalle 18:30 alle 19:30 o, se si possiede il fondo gita, telefonando allo 065782224 negli stessi orari. Sempre se si ha il fondo gita ci si può iscrivere contattando Stefania Calzini (340 4084321) tra le 14:30 e le 16:30 prima dell’ 11 Maggio
Costo: € 5 soci – € 15 non soci
Note: L’itinerario è consigliato solo a soci allenati, in buona forma fisica e ben equipaggiati: i direttori si riservano, in sede di iscrizione, la facoltà di selezionare i partecipanti.
Le spese di trasporto (benzina, autostrada) vengono divise tra i passeggeri con eccezione di chi mette a disposizione l’automobile.